Guida al trasloco senza stress

Traslocare può essere davvero stressante se non lo si affronta con la giusta organizzazione. Spesso sottovalutiamo l’esercizio del trasloco e ci ritroviamo a improvvisare all’ultimo minuto pacchi e pacchetti e a caricarli velocemente nella nostra auto, passando tutta una giornata, magari due, facendo sponda tra la vecchia casa e la nuova, finendo per stressarci più di quanto sia necessario e magari trovando alcuni oggetti per noi preziosi irrimediabilmente rotti dentro le scatole imballate superficialmente.

Nel caso in cui dovessimo portarci dietro tutto il mobilio, potrebbe essere davvero difficile traslocare senza un’adeguata organizzazione logistica. Se non abbiamo la possibilità di appoggiarsi in un’altra casa e quindi le operazioni di imballaggio, carico, trasporto e scarico devono essere fatte in un solo giorno e magari durante il naturale svolgimento della vostra quotidianità, la soglia di stress sale alle stelle.

La logistica è una vera e propria arte, vediamo quindi come sia possibile organizzare un trasloco senza stress, seguendo passo per passo alcuni consigli e tecniche usati dai professionisti del settore.

INVENTARIO

Fare un inventario di tutto ciò che abbiamo in casa è un buon modo per poter organizzare un trasloco. Sapere esattamente cosa abbiamo dentro casa e suddividere gli oggetti in fragili e meno fragili, e magari preziosi, ci aiuterà a scegliere i tipo e la quantità di imballaggi necessari per fare i pacchi proteggendo le nostre cose da colpi imprevisti.

Altra cosa utile sarà, nell’inventario stesso, definire gli ingombri, così da poterci procurare scatole con la giusta capacità a contenere le nostre cose e evitare che si muovano liberamente dentro le scatole durante la fase di carico/trasporto/scarico.

TEMPISTICHE

Una volta fatto l’inventario, abbiamo una misura di ciò che dobbiamo traslocare, cosi da poter calcolare con buona precisione di misura i tempi reali per effettuare le operazioni di imballaggio e quindi anche la possibilità di verificare per tempo se la vostra auto ha la capacità di caricare gli ingombri che avete rilevato in fase di inventario, e nel caso non sia sufficiente, organizzarsi per procurarsi, magari affiatandolo, un mezzo adatto a trasportare il volume inventariato da traslocare.

IL GIORNO DEL TRASLOCO

Individuate un giorno libero da impegni e svegliatevi molto presto. Incominciare le operazioni di imballaggio di prima mattina vi darà il tempo di reagire positivamente in caso di imprevisti. Seguite l’inventario per preparare l’imballaggi e per rispettare l’ordine di carico, meno fragile, fragile, fragilissimo e via verso la vostra nuova casa!

Questi tre passaggi vi aiuteranno a diminuire lo stress del trasloco, ma chiaramente non sarà un giro al luna park. Dovete tra le altre cose considerare i costi di tutte queste operazioni. Il tempo è denaro e non tutti si possono permettere di prendersi un giorno libero dal lavoro.

Gli imballaggi sono denaro, è difficile e sconsigliato cercare di imballare le nostre cose che rappresentano la nostra vita quotidiana e non solo, con imballaggi recuperati qua e là, non puliti e non adatti a contenere le vostre cose. Affittare un furgone, per non dover fare sponda con la vostra auto rischiando di danneggiarne gli interni e magari incappare in multe, può essere costoso, o comunque è un costo da considerare.

Un consiglio che ci sentiamo di dare è quello di fare un preventivo di spesa nel caso in cui decidiamo di avventurarci in un trasloco con l’ausilio delle sole nostre forze, e magari richiedere un preventivo di spesa a un professionista del settore come Traslocase, i cui servizi sono consultabili al sito internet (vai al sito). Affidarsi a un professionista potrebbe essere un ottimo compromesso per eliminare lo stress da trasloco e scoprire che stiamo risparmiando tempo e denaro.

Comments are closed.